Statuti

Statuto Società Cacciatori Valli del Cassarate_inv. A.ROSSINI con Logo 12 marzo 2017

 

S T A T U T O

 S O C I E T À   C A C C I A T O R I

 VALLE  DEL  CASSARATE

 

 

 

Fondata nel 2016

 

( 1927  –  1973 )

  1. Denominazione, scopi, sede rappresentanza

 

Art. 1  Denominazione – fondazione

 

Dallo scioglimento della “Società Cacciatori Valcollesi” (di seguito SCV) fondata nel 1927 a Maglio di Colla e della “Società Cacciatori del Gazzirola” (di seguito SCG) fondata nel 1973 a Bogno, è costituita sotto la denominazione sociale

 

SOCIETÀ CACCIATORI VALLE del CASSARATE

 

(di seguito SCVC)

 

un’associazione ai sensi degli art. 60 e segg. del Codice Civile Svizzero (CCS), avente durata indeterminata.

 

Essa è affiliata alla “Federazione cacciatori Ticinesi” (di seguito FCTI).

 

La SCVC è apolitica e aconfessionale.

 

 

Art. 2  Scopi

 

La SCVC ha per scopo il promovimento di azioni di interesse comune per tutto quanto attiene l’attività venatoria in generale,

in particolare quella sul territorio della Valcolla e di tutta la valle del Cassarate e della salvaguardia del suo patrimonio naturale.

 

La SCVC si propone, in particolare:

 

  1. Di promuovere il miglioramento del patrimonio cinegetico e dell’esercizio della caccia con i seguenti mezzi:

 

  1. La conservazione, il ripristino e la salvaguardia dell’habitat e degli spazi vitali della selvaggina;
  2. Un ripopolamento razionale della selvaggina, cacciabile e protetta, in ossequio alle leggi in vigore;
  3. La repressione del bracconaggio;
  4. La difesa degli animali in genere, con particolare riguardo a quelli protetti.
  5. La creazione e/o le modifiche di bandite e zone di protezione della selvaggina in particolare sul territorio della Valcolla e della valle del Cassarate.
  6. Il promovimento e l’organizzazione di manifestazioni culturali, di svago, ricreative, le attività sportive, in particolare le gare di tiro in genere.

 

  1. Di tutelare gli interessi societari ed i legittimi diritti dei propri membri presso le Autorità preposte e mantenere vivo tra i soci il sentimento di fratellanza ed incrementare la formazione ed il mantenimento di una sana coscienza e cultura venatoria.

 

Art. 3  Sede

 

La sede sociale è situata a Maglio di Colla presso la Casa comunale (ex comune di Valcolla) previo consenso del Comune di Lugano. In caso contrario la sede è presso il domicilio del Presidente.

 

Il recapito postale è presso il domicilio del Presidente o del Segretario.

 

 

Art 4  Rappresentanza

 

La Società è rappresentata e vincolata di fronte a terzi dalla firma collettiva del Presidente e del Cassiere e, in via subordinata, del Segretario – Cassiere, se queste cariche sono eventualmente congiunte per decisione assembleare.

 

 

  1. Composizione

 

La SCVC è composta dai seguenti soci contribuenti:

  1. Soci attivi
  2. Soci sostenitori
  3. Soci onorari     
  4. Soci contribuenti

 

Tutti i Soci hanno i medesimi diritti e doveri.

 

  • sono Soci attivi tutte le persone di ambo i sessi e di qualsiasi nazionalità che adempiono agli obblighi statutari e che esercitano l’attività venatoria in Svizzera;
  • sono Soci sostenitori coloro che versano una quota o un contributo di almeno CHF 20.– a favore della Società;
  • sono Soci onorari, persone o Enti che per decisione dell’Assemblea Generale hanno meritato la riconoscenza degli altri membri e del mondo venatorio per meriti particolari,
  • sono Soci contribuenti coloro che versano regolarmente una quota superiore alla tassa sociale.

 

Tutti i Soci di cui alle lettere da a) a d) hanno i medesimi diritti e doveri.

 

L’appartenenza alla Società decorre dal momento del pagamento della tassa sociale e si estingue con il 31 agosto dell’anno successivo.

 

La qualità di Socio è personale e non trasferibile.

 

Lo stato di Socio decade:

 

  • con il decesso
  • per dimissioni
  • con il mancato pagamento della tassa sociale entro il termine fissato
  • con l’esclusione, in particolare di quei Soci che dovessero mancare ai loro doveri, rifiutandosi di uniformarsi alle risoluzioni prese dall’Assemblea, come per qualsiasi altro motivo che risulti in contrasto al comune interesse dei Soci e/o al buon andamento societario, compromettendo gli interessi morali, materiali e venatori della Società

 

L’esclusione e/o espulsione di un Socio ha effetto immediato.

 

  1. Organi sociali

 

  1. L’Assemblea Generale o straordinaria dei soci
  2. Il Comitato Direttivo
  3. La Commissione di Revisione
  4. La Commissione del “Fondo della SCV”
  5. Le Commissioni Speciali

 

 

Art. 5  L’Assemblea Generale e Straordinaria dei Soci

 

  1. l’Assemblea è la riunione di tutti i Soci che hanno versato la tassa/quota sociale. Essa si riunisce in sessione ordinaria una volta all’anno di regola entro la fine del mese di febbraio. L’avviso di convocazione sarà trasmesso ai Soci almeno 15 giorni prima della data dell’Assemblea. L’ordine del giorno dovrà contenere l’elenco delle trattande;
  2. l’Assemblea Straordinaria può essere convocata quando questioni urgenti o importanti lo richiedono, su decisione del Comitato Direttivo o se richiesto da almeno 1/5 dei Soci;

in questo caso la domanda scritta dovrà essere inoltrata al Comitato almeno 30 giorni prima e deve essere chiaramente motivata;

  1. L’Assemblea è presieduta dal Presidente della SCVC, o altro Presidente del giorno se voluto dalla maggioranza dei Soci presenti.

In entrambi i casi, all’apertura dell’Assemblea si designeranno 2 (due) Scrutatori;

  1. Le deliberazioni dell’Assemblea sono valide, quando essa è stata regolarmente convocata, qualunque sia il numero dei Soci presenti.

Alle Assemblee hanno diritto di voto unicamente i Soci in regola con il versamento della tassa sociale o che possono godere della qualifica di Socio;

  1. L’Assemblea che decretasse lo scioglimento, nominerà seduta stante una Commissione di Liquidazione Speciale, composta da 3 membri, che opererà in ossequio di un mansionario-competenze definite dall’Assemblea.

 

 

Art. 6  Competenze dell’Assemblea Generale

 

Le competenze dell’Assemblea sono:

 

 

  1. l’approvazione e le modifiche dello Statuto
  2. la nomina dei Membri di Comitato
  3. la nomina del Presidente
  4. la nomina del Segretario
  5. la nomina del Cassiere;

Le cariche di Segretario e di Cassiere possono anche essere assunte dalla medesima persona per decisione assembleare

  1. la nomina della Commissione di Revisione
  2. l’approvazione dei conti e del rapporto dei revisori
  3. la nomina dei Soci Onorari
  4. l’espulsione o la riammissione dei Soci su proposta del Comitato Direttivo
  5. lo scioglimento della Società
  6. la designazione dei Delegati all’Assemblea Federativa
  7. fissa l’ammontare della tassa sociale e della quota affinché la Società possa far fronte ai propri impegni e obblighi finanziari.
  8. decide sulla creazione e sulle modifiche di eventuali bandite
  9. in caso di dimissioni o decesso dei Membri della Commissione del “Fondo della SCV”, nomina i nuovi Membri. Circa la devoluzione dei fondi apportati dalla SCV essi mantengono priorità di scelta, rispettivamente di veto, come statuito dalla decisione dell’Assemblea Ordinaria del 13 marzo 2016 della SCV il cui verbale diventa parte integrante del presente Statuto quale ALLEGATO 1.

 

 

La delibera per le competenze di cui alle lettere a) e i) richiedono la maggioranza dei ¾ dei Soci presenti. Per le altre competenze è richiesta la maggioranza semplice.

 

Art 7  Il Comitato Direttivo

 

  1. Composizione

 

Il comitato è composto da un massimo di 11 membri:

 

. 1 Presidente;

. 1 Vice Presidente;

. 1 Segretario;

  1 Cassiere;

     (le cariche di Segretario e Cassiere possono anche essere assunte dalla medesima persona)

  7-8 Membri  (al massimo)

 

I Membri di Comitato rimangono in carica per 4 (quattro) anni e sono sempre rieleggibili.

 

  1. Competenze del Comitato Direttivo:

 

  1. la nomina del Vice Presidente
  2. la convocazione dell’Assemblea sociale e l’allestimento delle trattande all’ordine del giorno
  3. l’esecuzione delle decisioni assembleari e delle disposizioni statutarie
  4. la fissazione delle eventuali indennità del Segretario e del Cassiere
  5. la gestione e la rappresentanza della Società
  6. il Comitato Direttivo può disporre di una somma di CHF. 2’000.–(duemila) annui al massimo per spese straordinarie, all’infuori della normale gestione corrente.

In comprovati casi straordinari ed urgenti, che per i tempi ristretti di una convocazione assembleare rischiano di pregiudicare gli scopi ed i fini societari, il Comitato Direttivo può oltrepassare questo importo limite procedendo comunque a chiedere la successiva ratifica della spesa effettuata all’Assemblea

  1. la nomina delle Commissioni Speciali
  2. la nomina dei Delegati nelle diverse istanze al fine di rappresentare la Società fatto salvo quanto statuito dall’art. 6 lett. k)
  3. la promozione e l’attuazione degli scopi sociali, l’organizzazione di manifestazioni in generale ed in particolare di gare di tiro.

 

 

Art. 8  Segretario / Cassiere

 

  1. Stato

– il Segretario – Cassiere è/sono nominato/i dall’Assemblea Generale o se necessario dall’Assemblea Straordinaria.

 

Le due cariche possono anche essere congiunte.

– egli è/sono membro/i del Comitato e può/possono rimanere in carica per una durata illimitata;

– ha la firma collettiva con il presidente.

  1. b) Compiti del Segretario e del Cassiere:

 

– emana le convocazioni per le Assemblee e se del caso del Comitato, redige i verbali,

– allestisce e aggiorna l’elenco dei Soci;

– allestisce la contabilità, i conti annuali e l’eventuale preventivo in collaborazione con il Comitato;

– amministra i fondi sociali, incassa le tasse sociali, effettua i pagamenti autorizzati dal Comitato ed è responsabile dell’amministrazione in generale;

– esegue eventuali compiti attribuiti dal Comitato Direttivo;

– gestisce l’archiviazione di tutta la documentazione cartacea ed elettronica;

Art. 9 La Commissione di Revisione

 

  1. Composizione

 

La Commissione di Revisione è nominata annualmente dall’Assemblea Generale ed è rieleggibile senza limite di anni, essa è composta da:

 

  • 3 membri
  • 1 supplente

 

La Commissione di Revisione viene eletta ogni anno dall’Assemblea Generale (art. 6 lett. f).

I Commissari sono rieleggibili per un periodo massimo di 4 (quattro) anni; il Supplente subentra al posto del Revisore che è in carica da più anni ed al suo posto viene nominato un nuovo Supplente.

 

La funzione di Membro della Commissione di Revisione è incompatibile con quella di Membro di Comitato

 

  1. Competenze

 

La Commissione di Revisione dei conti procede alla verifica dei conti annuali e dell’eventuale preventivo in ossequio delle leggi vigenti e presenta un rapporto scritto all’attenzione dell’Assemblea Generale.

 

Art. 10  La Commissione del “Fondo Società Cacciatori Valcollesi”

 

La composizione, la nomina e le competenze sono fissate in un specifico mansionario deciso dall’Assemblea di scioglimento della Società Cacciatori Valcollesi del 13 marzo 2016 (ALLEGATO 1).

 

Art 11  Le Commissioni speciali

 

Il Comitato nomina eventuali Commissioni Speciali se la situazione lo richiede. Di regola sono composte di almeno 5 Membri di cui 1 almeno deve far parte del Comitato.

 

Su consenso del Comitato Direttivo esse possono avvalersi di collaboratori esterni

 

 

  1. Disposizioni finali

 

Art. 12   Incompatibilità   

 

Non possono far parte del Comitato o delle Commissioni citate coniugi, partner registrati, conviventi di fatto, genitori, fratelli, suoceri con generi e nuore, zii e nipoti consanguinei, cognati.

 

Art. 13  Patrimonio Sociale

 

Il patrimonio sociale iniziale è costituito dai patrimoni delle società SCV e della società SCG elencate all’art. 1 del presente Statuto.

Di seguito la Società dovrà disporre in ogni momento di una liquidità minima di CHF 1’000.– (mille).

 

Art. 14  Le finanze della Società sono costituite da:

 

  1. a) dalle tasse sociali e dalle quote
  2. b) da donazioni
  3. c) da ricavi diversi (manifestazioni, ristorni ecc.)

Art. 15 Obblighi verso terzi

 

Gli obblighi verso terzi risponde esclusivamente il patrimonio della Società, esclusa qualsiasi responsabilità personale dei Soci.

 

Art 16   Statuto

 

Lo statuto può essere modificato in ogni momento dall’Assemblea Generale con l’approvazione della maggioranza dei ¾ dei Soci presenti all’Assemblea Generale.

Le modifiche devono essere preventivamente comunicate per iscritto con la convocazione a tutti i Soci.

 

Art 17 Scioglimento della società

 

Lo scioglimento della Società sottostà alla decisione dell’Assemblea con il voto della maggioranza dei ¾ dei Soci presenti all’Assemblea, purché la trattanda figuri all’ordine del giorno.

La convocazione deve pervenire personalmente ad ogni Socio.

La destinazione del patrimonio sociale verrà decisa in questa sede con il voto della maggioranza dei Soci presenti.

 

Art. 18 Particolarità

 

Per quanto non previsto dal presente statuto, sono applicabili le disposizioni degli art. 60 e segg. del CCS.

 

 

  1. Approvazione ed entrata in vigore

 

Il presente statuto è stato approvato dall’Assemblea Costitutiva del 12 maggio 2016

 

 

Esso entra in vigore dopo la ratifica della FCTI del 2016.

 

 

 

 

Per l’Assemblea Costitutiva

 

 

         Il Presidente                                                                                                   Il Segretario

 

 

        Rossini Alberto                                                                                         Chiesa   Fabrizio                                                       

 

 

6959 Maglio di colla, 12 maggio 2016